TIFOSO DISABILE ALLONTANATO DA BORDO CAMPO. L’ARBITRO: “NON PUÒ STARE LÌ”

Il 22enne Andrea Contin è il protagonista della vicenda. Il padre pubblica una lettera sul Mattino di Padova: “Recinzione impedisce accesso agli spalti. Gli altri arbitri non hanno sollevato problemi”

Tifoso calcio disabile allontanato da bordo campo. La vicenda avrebbe coinvolto un ragazzo di 22 anni disabile dalla nascita e costretto sulla sedia a rotelle. Andrea Contin è fratello di Nicola che milita nell’Union Voltaroncaglia, in seconda categoria padovana. L’inflessibilità del giovane arbitro lo avrebbe costretto ad allontanarsi perché – come riporta il portale Tuttocampo.it – il posto in cui vedeva la partita non era regolamentare.

Tifoso calcio disabile allontanato

Andrea segue tutte le partite di calcio del fratello e la Figc lo aveva addirittura premiato come tifoso numero uno. Presente a tutte le partite.

Da quest’anno – scrive nella lettera indirizzata al Mattino di Padova il papà Antonio – però non la può più seguire dagli spalti. Gli organi dirigenti dei campionati veneti, infatti, la scorsa estate hanno imposto alla società di erigere una nuova recinzione per motivi di sicurezza. Ma quella recinzione impedisce l’accesso e la visibilità del campo di gioco alle carrozzine. Ora quindi mio figlio si mette in un angolo dove si trova un cancello che viene aperto per quel che basta a fargli vedere il campo“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.