martedì, Maggio 28, 2024
ANTIDISCRIMINAZIONE

Legge 118 del 1971: banca nega accesso a persona con disabilità.

Un recente episodio di discriminazione in una banca ha suscitato profondo sdegno e ha richiamato l’attenzione sull’importanza del rispetto dei diritti delle persone con disabilità. L’incidente ha coinvolto la signora Fabiana (nome di fantasia), 78 anni, che a causa di una disabilità motoria utilizza un deambulatore per muoversi. Il rifiuto del suo ingresso in una filiale bancaria situata in un edificio storico ha evidenziato una grave mancanza di sensibilità e rispetto.

La situazione è stata portata all’attenzione dell’Ufficio Antidiscriminazione dopo la denuncia fatta dal figlio della donna, che ha riferito di un operatore bancario che ha impedito l’accesso alla sua madre, giustificando la sua azione come una perdita di tempo necessaria per l’installazione di una pedana removibile. Nonostante ripetuti tentativi di attirare l’attenzione suonando il campanello, l’operatore ha ignorato la signora, preferendo proseguire con il servizio ad altri clienti già presenti all’interno della filiale.

Il fallimento dei controlli sulla Legge 118 del 1971

Questo atto non solo costituisce una violazione dei diritti fondamentali della signora Fabiana, ma dimostra anche una mentalità discriminatoria inaccettabile nel contesto sociale odierno. È inammissibile che una persona venga trattata in modo diverso e le sia negato l’accesso a un servizio pubblico a causa della sua disabilità, aggravato ulteriormente dalle condizioni meteorologiche avverse di quel giorno.

Fortunatamente, l’intervento tempestivo dell’Ufficio Antidiscriminazione ha portato a un esame critico della situazione da parte del direttore della filiale, che era completamente all’oscuro dell’accaduto e ha collaborato per assicurare che fossero adottate misure severe contro il dipendente responsabile.

Questo incidente sottolinea la necessità di un continuo monitoraggio e di un’applicazione rigorosa delle leggi antidiscriminazione. Ogni individuo, indipendentemente dalla propria condizione fisica, ha il diritto garantito di accedere liberamente ai luoghi pubblici e di essere trattato con dignità e rispetto, come sancito dall’art. 27 della Legge 118/1971.

Legge 118 del 1971: segnalazioni Ufficio AntiDiscriminazione ANMIC

L’Ufficio Antidiscriminazione ANMIC resta a disposizione per segnalazioni di discriminazioni nei confronti delle persone con disabilità, tramite il Numero Verde Gratuito 800.572775 (dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 12:30 e il giovedì pomeriggio dalle 15:00 alle 17:00) o via email a antidiscriminazione@anmic.it.