lunedì, Giugno 17, 2024
ANTIDISCRIMINAZIONE

Disabilità – Violenza Domestica: il Ruolo Cruciale di ANMIC

Un recente episodio di violenza domestica ha posto in luce l’importante lavoro dell’Ufficio Antidiscriminazione ANMIC. Una donna con disabilità, affetta da gravi problemi osteoarticolari e psichici, ha subito abusi fisici, psicologici ed economici da parte del marito. La loro storia tragica è emersa quando Simone, il figlio ventenne della coppia, ha cercato aiuto presso ANMIC.

Simone ha descritto un ambiente domestico oppressivo: sua madre era sottoposta a controllo coercitivo, veniva costretta a seguire orari rigidi, a saltare i pasti, ed era continuamente insultata e minacciata dal marito. Inoltre, il padre di Simone gestiva arbitrariamente l’assegno di invalidità della moglie, abusando del conto cointestato della coppia.

Davanti a queste rivelazioni, l’Ufficio Antidiscriminazione ha agito rapidamente, consigliando a Simone di sporgere denuncia e contattando l’Assistente Sociale per la donna. Grazie a questi interventi, la madre di Simone è stata allontanata dal marito violento e trasferita inizialmente in una struttura protetta. Simone è diventato l’amministratore di sostegno di sua madre, garantendo così una maggiore protezione e mettendo fine alle sofferenze subite.

Disabilità – Violenza Domestica. Questo caso è uno tra i tanti che testimoniano la violenza subita dalle persone con disabilità. ANMIC si impegna costantemente a tutelare e supportare le vittime di discriminazione, fornendo assistenza essenziale per interrompere il ciclo degli abusi e promuovere una vita più sicura e indipendente.