DISABILE TORTURATO ‘PER GIOCO’: ARRESTI DOMICILIARI PER 3 RAGAZZI

Le torture perpetrate per gioco erano filmate e i video caricati su Instagram

Disabile torturato per gioco. Torturavano ‘per gioco’ un disabile per poi condividere i video su Instagram. Questa mattina sono stati fermati e, successivamente posti ai domiciliari, tre ragazzi di 19, 20 e 26 anni.

Lo torturavano per puro divertimento, sottoponendolo a ogni tipo di umiliazione. A riportare la notizia è stato Rainews. È accaduto in Calabria.

Il Gip ha ritenuto che il caso configurasse il reato di tortura

La Compagnia dei Carabinieri di Corigliano Calabro (Cs) ha eseguito un’ordinanza cautelare emessa dal Gip presso il Tribunale di Castrovillari, su richiesta della locale Procura.

Disabile torturato per gioco: le accuse

Tortura aggravata, violazione di domicilio ed interferenze illecite nella vita privata i reati contestati.

Secondo quanto riportato, i 3 giovani sarebbero entrati nella casa della vittima – una persona con disabilità psicofisica e che vivrebbe in stato di abbandono e disagio sociale – e avrebbero iniziato “prima a schernirlo, poi a schiaffeggiarlo, percuoterlo e a scoprirlo ripetutamente dalle coperte che lo avvolgevano nel letto.

Non contenti di ciò, si compiacevano delle loro “gesta” riprendendo tutta la scena con un telefonino. Il video, poco dopo, è stato pubblicato sul profilo Instagram di uno degli arrestati, rendendo così le immagini visibili a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.